L’ampliamento

Il “Piano Casa” è un provvedimento che amplia le possibilità offerte ai cittadini e alle aziende di intervenire sugli immobili esistenti al fine di aumentarne lo spazio fruibile.

Il provvedimento si applica a tutti gli edifici realizzati legittimamente ma anche a quelli che hanno acquisito il titolo abilitativo, ivi compreso il caso della sanatoria edilizia. E’ applicabile anche a quelli non ultimati purché abbiano il titolo abilitativo edilizio.

La quota destinata all’ampliamento può arrivare fino al 20% con possibilità di aumento fino al 30% se è prevista l’installazione di un impianto fotovoltaico.

Il Piano Casa prevede, inoltre, che gli ampliamenti debbano rispettare la normativa tecnica sulla statica delle costruzioni. Di conseguenza, non solo l’ampliamento dovrà essere staticamente verificato secondo le nuove norme antisismiche, ma tutta la struttura portante del fabbricato che dovrà “sostenere” il nuovo volume dovrà essere verificata, nonché, eventualmente adeguata.

Più in generale, rientrano tra gli interventi di ampliamento degli edifici, la realizzazione delle seguenti opere:

  • volume edilizio realizzato contiguo ad un fabbricato preesistente;
  • tamponatura perimetrale (chiusura) di un portico preesistente o parte di esso, anche attraverso la creazione di aperture interne ed esterne;
  • chiusura di balcone con materiali trasparenti oppure opachi, per essere utilizzato come ambiente interno alla relativa unità immobiliare;
  • chiusura di un loggiato con materiali trasparenti o anche opachi, per essere utilizzato come ambiente interno all’unità immobiliare di appartenenza;
  • chiusura di un terrazzo contiguo all’unità immobiliare, con materiali trasparenti ovvero opachi, per essere utilizzato come ambiente interno alla medesima;
  • realizzazione di volume edilizio in aggetto, per la creazione di spazi o servizi a disposizione dell’unità immobiliare adiacente;
  • realizzazione di veranda, per essere utilizzata come ambiente interno per la vivibilità dell’unità immobiliare contigua;
  • realizzazione di bow window;
  • trasformazione in abitazione di locali tecnologici quali locali caldaia, locali per la raccolta dei rifiuti, autoclave, ecc.